IL DIARIO DI MICKEY

  • Tutto è iniziato da… un coniglio! Nella primavera del 1927, Walt Disney e il suo amico Ub Iwerks realizzano dei cartoni animati che vedono come protagonista non Mickey ma un coniglio fortunato di nome Oswald. I loro cartoni ebbero molto successo. Ma nel marzo del 1928, Walt ne perde i diritti. Non può più utilizzare Oswald. Mentre si trova nel treno che da New York lo riporta ai suoi studi in California, cerca nuove idee. In quel momento c’erano cartoni sui conigli e sui gatti… perché non farlo su un topo? Questo si chiede Walt; anche se la leggenda vuole che l’ispirazione l’abbia avuta vedendo correre i topi sul suo tavolo da disegno, quando era un disegnatore al verde.

  • Durante un viaggio di 3 giorni, Walt è accompagnato dalla moglie Lillian. Quando Walt inizia a disegnare il suo topo, pensa al nome di Mortimer; ma a Lilly questo nome non piace e suggerisce Mickey. Dal 1937 Mortimer sarà il nome assegnato al nemico di Mickey, che cerca di sedurre la sua Mickey.
  • Anche se è Walt che lo immagina, fu Ub Iwerks a dare forma a Mickey. Gli fa due orecchie tonde e perfetti. I due amici e disegnatori sono d’accordo. Iniziano a produrre il primo cartone animato  “Plane Crazy”. Ub risulta così motivato che riesce a produrre all’incirca 700 disegni al giorno.
  • La faccia di Mickey è formata da tre tondi, due piccoli per le orecchie e uno più grande per il viso. Quando Ub mette a punto la tecnica, prende spunto dalle monete, per disegnarlo. La faccia è grande come una moneta da 25 centesimi di dollaro e le orecchie come una moneta da 10 centesimi.
  • Se in Francia e in Belgio viene usato il nome tradizionale di Mickey Mouse, in altri paesi viene cambiato: in Italia lo chiamiamo Topolino; in Germania Mickey Maus; in Messico Ratòn Mickey; ecc.

  • E’ nato nel 1928, al cinema. I suoi due primi cartoni animati furono: “Plane Crazy” e “Gallopin Gaucho”, che non hanno avuto molto successo. In compenso “Steamboat Willie”, viene proiettato per la prima volta a New York il 18 Novembre 1928; fu un trionfo! Considerato il primo cartone animato con una colonna sonora. Questa data segna la nascita ufficiale di Mickey.
  • Perché Mickey indossa i guanti? E’ tutta una questione di visibilità. Nei primi cartoni in bianco e nero si distinguevano difficilmente le nere mani di Mickey sul petto nero.A partire dal 1929, Walt e Ub aggiunsero i guanti bianchi in modo che le mani risaltassero sul corpo.
  • Walt in un intervista spiega che si è ispirato ai personaggi dei film di Charlie Chaplin per creare il carattere di Mickey. Piccoli eroi che cercano di fare il meglio possibile.
  • Come mai Mickey ha solo 4 dita? Perché è più veloce da disegnare. Soprattutto quando si devono fare centinaia di disegni per il Cinema. Un’altra sua particolarità è che, in qualunque posizione lui si metta, le sue orecchie si vedono sempre frontali, anche quando si mette di profilo.
  • Walt nonostante avesse una voce molto grave, ha doppiato Mickey fino al 1946, cambiandola ovviamente. Ma non solo; Walt ha doppiato anche Minnie per un periodo.
  • Dopo il grande successo di Biancaneve e i Sette Nani del 1937; Walt decide di realizzare un cartone musicale: Fantasia. Dovete sapere che il ruolo di Apprendista stregone non era stato pensato sin dall’inizio per Topolino. Inizialmente lo si voleva affidare a un personaggio molto più sempliciotto. Ma visto che in quegli anni Donald stava mettendo in ombra Mickey, Walt decise di renderlo protagonista per farlo tornare alla ribalta nel 1940.

  • Nel 1978, Mickey è il primo personaggio animato a ricevere una stella sulla Walk of Fame. Nel 1932 Walt riceve un Oscar per la creazione di Mickey Mouse.
  • Da 90 anni Mickey è presente in 122 film. La maggior parte delle sue apparizioni si concentra tra il 1928 e il 1953 con 118 cartoni dedicati a lui. Quindi quasi 3 film all’anno. L’anno record fu il 1932 con ben 14 cortometraggi con lui protagonista sono realizzati negli Studi Disney.
  • Con i suoi tre semplici colori e la sua silhouette riconoscibile sempre, Mickey è diventato un personaggio che ha ispirato artisti d’arte contemporanea come Damien Hirst. Nel 2012, Disney gli ha chiesto di creare un quadro. Hirst si è limitato a disegnare 12 tondi di colori e forme diverse. Nonostante ciò Topolino è visibilissimo.
  • Minnie e Mickey hanno la stessa età. L’eterna fidanzata di Mickey è nata lo stesso giorno, fin dai primi cartoni nel 1928. Il 22 Gennaio 2018 anche lei ottiene una stella sulla Walk of Fame di Los Angeles.

 

 n

Fonte: Il Libro dei 90 anni di Mickey Mouse (edizione francese) Journal de Mickey

1 pensiero su “IL DIARIO DI MICKEY”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *